Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

Visitiamo insieme la città che cambia. I cittadini con il sindaco sui cantieri più importanti.

tav 3Città di Nardò - Staff del Sindaco: Comunicato stampa del 1 febbraio 2016

Prosegue freneticamente l'attività dell'amministrazione comunale sul versante delle opere pubbliche.

Nel centro storico si avvicina la data dell'inaugurazione del Chiostro dei Carmelitani, completamente ristrutturato, e della sede della ex Pretura in Piazza Salandra.

Sono, nel frattempo, giunti al termine i lavori per il restauro della facciata del Teatro Comunale in corso Vittorio Emanuele.

Si continua a lavorare, secondo il cronoprogramma determinato, a Piazza Sant'Antonio e al cantiere di via Pellettieri, dove sta per nascere un nuovo contenitore culturale al posto dell'ex Mercato coperto.

Presso il chiostro di Sant'Antonio è fissata per il 23 marzo l'inaugurazione del Museo della Preistoria. Contemporaneamente si concluderanno i lavori al Castello degli Acquaviva, recuperato grazie ad un finanziamento di un milione di euro.

Gli amministratori sono molto soddisfatti anche per i lavori, praticamente terminati in via Marinai d'Italia, dove si potrà presto ammirare il nuovo asilo nido e il Museo del Mare.

All'ex Mattatoio, definitivamente rimesso a nuovo, è tutto pronto per ospitare il nuovo centro diurno per disabili. È stato già pubblicato il bando per l'affidamento del servizio.

I cittadini che vorranno per primi visitare, in compagnia del sindaco e degli amministratori, le nuove opere realizzate e quelle sulle quali si sta intervenendo, potranno inoltrare richiesta indicando nome cognome e data di nascita all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando nell'oggetto il nome dell'iniziativa: “Visitiamo insieme la città che cambia”.