Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

Nardò. Condotta sottomarina. Risi a Casili: sì al confronto nell'interesse della città

Città di Nardò - Staff del Sindaco: Comunicato stampa del 9 febbraio 2016

Con riferimento agli scarichi di acque reflue urbane e industriali sul suolo o negli strati superficiali del sottosuolo (vietato dalla legge nazionale, la quale prevede, tuttavia, delle eccezioni) concordo, in linea di massima, con il consigliere regionale Casili.

Dico di più: la mia opinione è che il caso di Nardò possa rientrare nelle deroghe previste dalla legge nazionale.

Effettivamente il processo di salinizzazione delle falde avanza e impone scelte innovative e coraggiose, a partire dal riutilizzo dei reflui a fini irrigui, previsto come obiettivo nel Protocollo d'Intesa sottoscritto da Comune, Regione, Acquedotto Pugliese e Autorità Idrica Pugliese.

 

Il punto è: l'attuale normativa regionale che il consigliere Casili si propone con altri di modificare, consente lo scarico delle acque reflue in falda? Se lo consente, perché ci si affanna a proporre modifiche?

Il protocollo d'intesa sottoscritto è servito a inchiodare Regione Puglia e Acquedotto su alcuni punti fermi. Lo consideriamo un decisivo passo in avanti, non un definitivo punto di arrivo.

L'obiettivo resta il pieno riutilizzo delle acque reflue.

In ordine al rischio di commissariamento con ritorno al vecchio, impraticabile e terribile progetto ricordo che gli amministratori del comune hanno ben esposto a Roma, al Ministero dell'Ambiente, le ragioni per le quali la nostra città ha detto no.

La mia personale impressione è che al Ministero siamo stati abbastanza convincenti.

Non sono così ingenuo da sottovalutare che interessi economici concorrenti possano spingere in direzioni opposte alle aspettative della nostra comunità. Ma, sento di poter garantire che quegli interessi non prevarranno.

Apprezzando lo sforzo di tutte le forze politiche che si muovono per la tutela del nostro territorio, accolgo molto favorevolmente la proposta del consigliere regionale Cristian Casili ad un confronto pubblico sui temi in discussione.