Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

Lunedì 2 Maggio 2016 - Allerta Meteo

meteoDi seguito il testo dell'Allerta meteo nazionale:

"Persistono le condizioni di instabilità causate dalla perturbazione di origine atlantica già responsabile del generale peggioramento delle condizioni meteo per cui era stato emesso un avviso di condizioni meteo avverse ieri. La perturbazione, approfondendosi su Mediterraneo centrale, nella giornata di lunedì 2 maggio si sposterà gradualmente dal Tirreno meridionale al Canale d'Otranto, provocando forti temporali che dall'area ionica giungeranno ad interessare con maggiore intensità la Puglia, e precipitazioni diffuse e persistenti sul settore del medio Adriatico, in un contesto che resterà comunque all'insegna del tempo instabile.

Alla luce dei fenomeni previsti e in atto, la Regione Puglia ha valutato per la giornata di domani allerta rossa per gran parte del territorio regionale. Il bollettino di criticità idraulica e idrogeologica per domani indica, inoltre, allerta arancione per rischio idraulico sulla Romagna e sulle Marche, e per rischio idrogeologico sul Molise e sul foggiano in Puglia. Allerta gialla, infine, su Emilia e Umbria, sulle restanti regioni meridionali e sui settori settentrionali della Sicilia.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull'Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all'evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del dipartimento della protezione civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l'evolversi della situazione."

Informazioni dettagliate su http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/view_bvg.wp?contentId=BVG57205

Fonte: Sito del Dipartimento della Protezione Civile - Presidenza del Consiglio dei Ministri