Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

elezioni2018

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

Un nuovo progetto a tutela del Parco di Portoselvaggio.

pselva2Il Parco di Portoselvaggio - Palude del Capitano sarà ancora più tutelato grazie al progetto di ricerca OFIDIA (Operational Fire Danger Prevention Platform) finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale Europea “Grecia - Italia 2007 – 2013”.
Grazie a questo progetto sarà possibile prevenire gli incendi, attraverso una piattaforma software. Tramite una rete di sensori wireless, saranno rilevati dei parametri (quali temperatura, umidità, precipitazioni, radiazione solare, velocità e direzione del vento, umidità del secco) che saranno poi opportunamente rielaborati nelle sale di controllo. “Obiettivo del progetto è costruire un'infrastruttura operativa transnazionale che permetta di prevenire il pericolo di incendio – spiega l’assessore alle politiche comunitarie Mino Natalizio – Una conoscenza condivisa tra gli istituti di ricerca e gli stakeholder regionali consente di avere a disposizione strumenti più opportuni per rilevare e combattere gli incendi boschivi e rendere più efficace il perlustramento e il monitoraggio ambientale, la costruzione di modelli climatici la previsione dei pericoli d'incendio e l'accesso automatico ai dati storici ad essi collegati”.

Partner CMCC (Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici), UIO (University of Ioannina), DAFD (Decentralized Administration of Epirus-Western Macedonia Forest Directorate), la Provincia di Bari e la Provincia di Lecce che ha inserito il Parco di Porto Selvaggio nel progetto.“Gli strumenti messi in campo dal progetto porteranno dei benefici a lungo termine sulla qualità di vita e sulla prosperità economica dell’intera area” ha affermato il sindaco Marcello Risi .“Uno strumento in più per prevenire e contrastare gli incendi boschivi nella nostra area protetta che è già ottimamente sorvegliata e vigilata dall'ARIF e dalla CEP - Protezione Civile” ha affermato l’assessore all’ambiente Francesca De Pace.