Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

Una terribile esperienza familiare nel libro di Alessandro D’Aiello, domani a I Volatori

COMUNICATO STAMPA Giovedì 6 aprile 2017 

COME LE ROSE A MAGGIO, LA FORZA DELL’AMORE PER UN FIGLIO

Una terribile esperienza familiare nel libro di Alessandro D’Aiello, domani a I Volatori

Parte domani, venerdì 7 aprile, il venerdì da… I Volatori, una rassegna letteraria di cinque appuntamenti che vedrà altrettanti autori presentare i propri libri nella saletta della libreria I Volatori di via Pellettieri. Si comincia con Antonello D’Ajello, alle ore 18:30, e il suo Come le rose a maggio (ArgoMenti Edizioni), un diario di bordo sulla malattia del figlio, cioè la storia di una terribile esperienza familiare. È il libro d’esordio di D’Ajello, nato a Gallipoli poco più di cinquanta anni fa, ex calciatore. Dialogherà con l’autore Fabio Fabrizio.

Tutto ebbe inizio il 26 dicembre del 2012 in un clima natalizio che aveva visto riunita la famiglia e l’arrivo dei parenti. Matteo torna a casa e improvvisamente sta male, è entrato nella sua vita il “Mostro”, una rara forma di encefalite sviluppatasi dal virus della mononucleosi. Da qui l’inizio di un percorso terribile: 16 giorni di coma profondo, poi il risveglio, 55 giorni in Rianimazione a Lecce, sette mesi a Roma, poi il ritorno a Gallipoli e l’inizio di una terapia riabilitativa con la speranza, ora sempre più di una speranza, che Matteo possa presto tornare a reggersi sulle proprie gambe. Non solo il racconto di un’esperienza dolorosa, ma anche un esercizio di amore e di forza.

La rassegna è una iniziativa di Archeoclub Terra d’Arneo e della libreria I Volatori in collaborazione con il Comune di Nardò e proseguirà venerdì 14 aprile.

                                                                                              Ufficio Stampa