Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

“COMPLIMENTI A EMILIANO, IL SUD HA FINALMENTE IL SUO PUNTO DI RIFERIMENTO” La soddisfazione di Mellone per il risultato del presidente della Regione alle primarie Pd

COMUNICATO STAMPA Martedì 2 maggio 2017

“COMPLIMENTI A EMILIANO, IL SUD HA FINALMENTE IL SUO PUNTO DI RIFERIMENTO”

La soddisfazione di Mellone per il risultato del presidente della Regione alle primarie Pd

“Voglio fare pubblicamente i complimenti a Michele Emiliano per il significativo risultato ottenuto alle primarie del Partito Democratico”. Così il sindaco Pippi Mellone commenta l’esito delle primarie del Pd e il 10,49% dei consensi registrati a livello nazionale dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano.

“Realisticamente - prosegue - non è la valenza numerica a contare, comunque oltre la doppia cifra a livello nazionale, il 55% a livello regionale ed il 45% nel Salento, ma ovviamente la portata del consenso, che pone il presidente della Regione Puglia come il punto di riferimento per il Sud e finalmente come l’interprete e il portatore delle istanze dei meridionali, del tutto ignorate non solo dai rappresentanti delle altre due mozioni, ma oggettivamente da tutti gli ultimi governi. Per noi questo è cruciale. Al di là delle questioni interne al Partito Democratico, infatti, chi si occuperà delle sorti del Paese nei prossimi tempi non potrà non fare i conti con Michele Emiliano, con un uomo del Sud, con il presidente della nostra Regione. Abbiamo visto giusto ancora una volta: il presidente di Regione politicamente più forte è un dato enormemente importante e nell’interesse di tutti. Compreso quello della nostra città. Abbiamo fatto benissimo a sostenerlo, nonostante il Pd neretino abbia frodato gli elettori e le regole democratiche, collezionando una triste figuraccia scaricata peraltro sui componenti del seggio. A quelle percentuali forse mancherà per sempre il dato di Nardò, che sarebbe stato eclatante e nello stesso tempo fortemente indigesto per qualcuno”.

                                                                                                      Ufficio Stampa