Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

CAMBIA IL GESTORE A MASSERIA BONCURI

COMUNICATO STAMPA Venerdì 19 maggio 2017

CAMBIA IL GESTORE A MASSERIA BONCURI

Cooperativa Mosaico subentra a Diritti a Sud, che ritiene insufficienti le risorse

                Cambia il gestore della struttura di Masseria Boncuri. La giunta di Palazzo Personè, infatti, ha autorizzato oggi l’affidamento della gestione alla Cooperativa Sociale arl Mosaico dal 1 giugno al 30 settembre 2017 alle medesime condizioni dell’attuale gestione (anche economiche, cioè 4 mila euro). Si tratta di un soggetto impegnato sul territorio in servizi di volontariato e attività di solidarietà sociale. L’associazione Diritti a Sud, infatti, nel corso di una riunione in Prefettura nella giornata di ieri si è detta ufficialmente indisponibile a proseguire la gestione (che ha dallo scorso novembre) ritenendo insufficienti le risorse messe a disposizione dall’amministrazione comunale. La Cooperativa Mosaico, esattamente come avviene per Diritti a Sud, riceverà 4 mila euro e dovrà garantire la presenza di massimo 16 immigrati, la vigilanza h24, la pulizia quotidiana della struttura e la massima cura dell’immobile, mentre restano a carico del Comune le spese per le utenze. Nella struttura, oltre ai posti letto e ai servizi, ci sono spazi per attività formative e ricreative.

                Com’è noto, Masseria Boncuri, già destinataria di un finanziamento che è compatibile con la presenza di immigrati, ospita da circa sette mesi 16 lavoratori extracomunitari (tutti in regola con le normative sul lavoro e la permanenza in Italia e identificati dalla polizia) che avevano ricovero nel campo di Arene-Serrazze, oggi definitivamente chiuso. Si è trattato di un provvedimento che ha risolto, di fatto, il problema sociale e igienico-sanitario rappresentato dalla perdurante presenza di questo gruppetto di extracomunitari alla estrema periferia della città, in un sito non adeguato ad accoglierli.

                                                                                                   Ufficio Stampa