Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

AREE DI SOSTA A PAGAMENTO a S. Caterina e S. Maria al Bagno.

Agevolazioni per residenti e proprietari di immobili non ubicati nelle vie con parcheggi a pagamento (modulo)

Agevolazioni per residenti e proprietari di immobili ubicati nelle vie con parcheggi a pagamento (modulo)


Per informazioni rivolgersi all'Ufficio Tecnico del Traffico Comunale
presso il Comando di Polizia Locale, Via Francesco Crispi 99.

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

“VITA SUL TACCO”, NARDÒ “APPRODA” SUL NATIONAL GEOGRAPHIC

COMUNICATO STAMPA Lunedì 19 giugno 2017

“VITA SUL TACCO”, NARDÒ “APPRODA” SUL NATIONAL GEOGRAPHIC

Il Distretto archeologico del Paleolitico di Portoselvaggio su un reportage della rivista

Nardò “approda” sul National Geographic Traveller, rivista internazionale dedicata al turismo tra le più prestigiose e pubblicata dalla celebre National Geographic Society, una delle più grandi istituzioni scientifiche ed educative no profit al mondo. Nell’ampio articolo dedicato alla Puglia dal titolo Puglia: life on the heel e pubblicato sull’edizione Uk di giugno (qui la versione online: http://www.natgeotraveller.co.uk/destinations/europe/italy/puglia-life-on-the-heel/), compare Nardò con le sue eccellenze archeologiche, in particolare il Distretto archeologico del Paleolitico, ricompreso nel Parco Naturale Regionale di Portoselvaggio - Palude del Capitano, e il Museo della Preistoria di Nardò di prossima apertura, che ospiterà i reperti archeologici provenienti dal Distretto archeologico stesso. Il reportage di Julia Buckley mette in evidenza come il territorio del Parco abbia ospitato nelle numerose grotte preistoriche presenti al suo interno, l’uomo del Neanderthal (tra i 120 e gli 80 mila anni fa) e il primo uomo Sapiens di cui si abbia traccia in Europa (circa 45 mila anni fa). L’articolo, inoltre, mette in evidenza, grazie al contributo di Niccolò Marras e alle informazioni scientifiche di Filomena Ranaldo, quello che è uno spaccato del turismo di qualità, sostenibile e destagionalizzante su cui Nardò sta investendo tanto e su cui deve necessariamente continuare ad investire.

“L’attenzione dimostrata per Nardò e le sue eccellenze archeologiche da parte di una delle più importanti e conosciute riviste internazionali che parlano di turismo - rileva il sindaco Pippi Mellone - conferma l’azione positiva che l’amministrazione comunale sta svolgendo sul territorio in questa direzione, in sinergia con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Brindisi, Lecce e Taranto diretta da Maria Piccarreta e con l’assessorato alle Industrie Politiche e Culturali della Regione Puglia guidato da Loredana Capone. È doveroso un ringraziamento al gruppo di lavoro che si sta occupando del Museo della Preistoria, coordinato dalla direttrice Filomena Ranaldo, e quanti, come il Gruppo Speleologico Neritino presieduto da Vittorio Marras e come l’attuale Coordinatore del Parco Mino Natalizio, hanno creduto e negli anni si sono impegnati per questi risultati della Nardò archeologica”.

                                                                                                              Ufficio Stampa