Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

AREE DI SOSTA A PAGAMENTO a S. Caterina e S. Maria al Bagno.

Agevolazioni per residenti e proprietari di immobili non ubicati nelle vie con parcheggi a pagamento (modulo)

Agevolazioni per residenti e proprietari di immobili ubicati nelle vie con parcheggi a pagamento (modulo)


Per informazioni rivolgersi all'Ufficio Tecnico del Traffico Comunale
presso il Comando di Polizia Locale, Via Francesco Crispi 99.

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

DISCARICA DI AMIANTO, SÌ ALLA REVOCA DELL’AUTORIZZAZIONE

COMUNICATO STAMPA Giovedì 13 luglio 2017

DISCARICA DI AMIANTO, SÌ ALLA REVOCA DELL’AUTORIZZAZIONE

Anche il Comune di Nardò parte civile. Mellone: “Nostri dubbi legittimi, oggi c’è rabbia”

“Avevamo ragione noi negli anni scorsi a chiedere chiarezza, certo oggi l’inchiesta suscita rabbia e indignazione su quello che si poteva e non poteva fare in questi anni”. Così, a freddo, il sindaco Pippi Mellone commenta la notizia dell’indagine della Procura di Lecce che ha portato al sequestro della discarica di amianto in contrada Vignali-Castellino, al confine dei territori di Nardò e Galatone, e all’iscrizione nel registro degli indagati del legale rappresentante della ditta R.e.i. che ha in gestione il sito.

“L’indagine - prosegue il primo cittadino di Nardò - ha riscontrato gravi e reiterate violazioni delle prescrizioni imposte per la salvaguardia della salute pubblica, esattamente ciò che per anni abbiamo paventato e denunciato in ogni modo. Su questa discarica abbiamo portato avanti una battaglia in tempi non sospetti, proprio perché i dubbi e i timori causati dagli inadempimenti del gestore che Arpa ha certificato tre anni fa, non sono mai stati dissipati. Andare Oltre raccolse circa 3000 firme per chiedere a Nisi e a Risi di ripensare l’autorizzazione all’ampliamento, ma fu tutto inutile. Eravamo convinti e lo siamo ancora che, al di là di tutto e al di là di questa indagine, lo stoccaggio dell’amianto non possa avvenire a pochi metri da campi coltivati, abitazioni e luoghi di lavoro.

Aspetteremo naturalmente il corso delle indagini e aspetteremo di sapere se ci sono responsabilità da parte del gestore e da parte della politica, che evidentemente ha agito, deciso e autorizzato su questo sito con troppa e colpevole superficialità e che certamente doveva vigilare. Non si può amministrare e avere responsabilità istituzionali se si è sprovvisti di buon senso e di una spiccata sensibilità per un tema come la salute delle comunità rappresentata. Per me fu già sconcertante all’epoca avvertire come un fastidio i nostri allarmi e l’offerta di collaborazione che noi e altri avanzammo. Forse si poteva guadagnare tempo.

Sul piano pratico -  conclude Pippi Mellone -  il Comune di Nardò prenderà parte ovviamente a tavoli tecnici e ad ogni altro tipo di sforzo congiunto tra gli enti interessati, Provincia e Comuni di Galatone e Nardò, che portino alla revoca dell’autorizzazione e alla repentina messa in sicurezza dell’impianto. Sulla stessa linea di condotta del Comune di Galatone, inoltre, verificheremo da un punto di vista tecnico e sostanziale la possibilità di una eventuale costituzione di parte civile. A Galatone come a Nardò la classe dirigente è cambiata e ora a guidare queste comunità ci sono amministratori animati esclusivamente da interessi collettivi, a partire dalla difesa della salute”.

                                                                                                                 Ufficio Stampa