Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

Nardog

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

LE CLASSI DI PRIMARIA DI VIA MARZANO TRASLOCANO A VIA BOLOGNA

COMUNICATO STAMPA Martedì 10 ottobre 2017

LE CLASSI DI PRIMARIA DI VIA MARZANO TRASLOCANO A VIA BOLOGNA

Giovedì e venerdì niente lezioni. Sarà liberato l’immobile da abbattere e ricostruire

I lavori di adattamento dell’istituto scolastico di via Bologna, eseguiti da Ingrosso Costruzioni s.r.l., sono terminati nei giorni scorsi, esattamente come previsto. Si è trattato, com’è noto, di un intervento da 370 mila euro (in compartecipazione con la Provincia di Lecce) che ha dotato la struttura di alcune misure indispensabili a renderla idonea, cioè la sostituzione di una parte dei solai del primo piano, il consolidamento di altre parti e gli interventi utili a separare accessi e aree di utilizzo delle utenze scolastiche. Considerato che al piano terra sono ospitate alcune classi dell’istituto “Moccia” (che accedono da via Bologna), mentre al primo piano andranno ora le classi di scuola primaria di via Marzano (che accedono invece da via Foggia). Queste ultime hanno iniziato l’anno scolastico nella vecchia struttura e proseguiranno nella nuova destinazione a partire da lunedì 16 ottobre. Per consentire il trasloco degli arredi scolastici, operazione incompatibile con l’attività scolastica, le lezioni saranno sospese nei giorni di giovedì 12 e venerdì 13 ottobre.

Si completa in questo modo il percorso che ha portato a liberare il vecchio “prefabbricato” di via Marzano, che sarà adesso abbattuto e ricostruito grazie a un finanziamento di due milioni e mezzo di euro. Già con l’avvio dell’anno scolastico, infatti, le classi di scuola dell’infanzia erano state collocate nella struttura comunale di via Marinai d’Italia.

Nei prossimi giorni, intanto, verranno ultimati anche i lavori di riqualificazione del piazzale antistante l’edificio di via Bologna e quelli per la realizzazione nel cortile interno della tensostruttura da adibire a palestra.

                                                                                         Ufficio Stampa