Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

elezioni2018

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

PREVENIRE LA VIOLENZA DI GENERE, I RISULTATI DELL’ATTIVITÀ DI SENSIBILIZZAZIONE

COMUNICATO STAMPA Mercoledì 25 ottobre 2017

PREVENIRE LA VIOLENZA DI GENERE, I RISULTATI DELL’ATTIVITÀ DI SENSIBILIZZAZIONE

Domani la presentazione dei report di un progetto scolastico (ore 17, Chiostro dei Carmelitani)

È in programma domani, giovedì 26 ottobre, alle ore 17 presso il Chiostro dei Carmelitani (corso Vittorio Emanuele II) la presentazione dei report dell’attività di sensibilizzazione negli istituti scolastici dell’Ambito di Nardò sulla prevenzione della violenza di genere. Interverranno, oltre al presidente del Coordinamento Istituzionale dell’Ambito Territoriale Sociale n. 3 Maria Grazia Sodero e all’amministratore unico della Cooperativa sociale Comunità San Francesco Antonia Cairo, la coordinatrice dell’attività di sensibilizzazione della rete Cav Sanfra Anna Moschettini, l’educatrice dell’attività di sensibilizzazione della rete Cav Sanfra Isabella Bruno e la psicologa dell’attività di sensibilizzazione della rete Cav Sanfra Chiara Galiotta.

Nello scorso anno scolastico, infatti, i soggetti coinvolti - Ambito Territoriale n. 3, Comunità San Francesco e Centro Antiviolenza Il Melograno - hanno puntato sulla prevenzione della violenza di genere attraverso un intervento formativo con gli alunni e un momento di confronto con gli insegnanti e i genitori. Il progetto Facciamo la differenza. Percorsi educativi di prevenzione alla violenza di genere, promuovendo la riflessione sulla parità di genere nelle scuole, ha educato le donne e gli uomini di domani alla cultura della non violenza.

“Questo è un progetto importantissimo - rileva Maria Grazia Sodero - perché consente di lavorare sugli stereotipi di genere e di educare alla parità nel momento giusto partendo dal riconoscimento e dall’accettazione delle differenze. Nel momento giusto significa farlo nelle scuole, il primo luogo di relazioni sociali per i bambini e le bambine, dove è più efficace la prevenzione”.

                                                                                                   Ufficio stampa