Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

PIN, COME FUNZIONA E CHI PUÒ PARTECIPARE

COMUNICATO STAMPA Venerdì 17 novembre 2017

PIN, COME FUNZIONA E CHI PUÒ PARTECIPARE

Incontro domani (ore 17) al Chiostro dei Carmelitani. Spazio ai giovani con idee vincenti

Un incontro dedicato alla misura Pin della Regione Puglia e alla opportunità che rappresenta quello in programma domani, sabato 18 novembre, alle ore 17 presso il Chiostro dei Carmelitani (corso Vittorio Emanuele). Spiegheranno il senso dell’iniziativa, l’utilità concreta della stessa e le modalità per partecipare il consigliere comunale e commercialista Antonio Tondo e il Business Developer Valentino Moretto. Interverranno per un saluto il sindaco Pippi Mellone e l’assessore alle Attività Produttive Giulia Puglia.

Pin, com’è noto, è l’iniziativa del settore Politiche Giovanili della Regione Puglia rivolta ai giovani che intendono realizzare progetti imprenditoriali innovativi, ad alto potenziale di sviluppo locale e con buone prospettive di consolidamento, rafforzando le proprie competenze. La misura è rivolta a gruppi informali di almeno due giovani residenti in Puglia, di età compresa tra i 18 e i 35 anni che hanno un’idea imprenditoriale innovativa e vogliono svilupparla. Pin supporta la sperimentazione e la realizzazione di progetti a vocazione imprenditoriale nei settori della innovazione culturale, della innovazione tecnologica e della innovazione sociale. Consente l’accesso a un contributo finanziario, a fondo perduto, variabile tra 10 e 30 mila euro a progetto (oltre a un set di servizi di supporto e rafforzamento delle competenze).

Oltre ad avere carattere informativo generale, durante l’incontro sarà possibile avere assistenza concreta sul proprio progetto.

“Pin - dice l’assessore Giulia Puglia - è una opportunità interessantissima, basata sul meccanismo molto intelligente di finanziare le idee che innovano e che possono consolidarsi in un progetto imprenditoriale valido e proficuo. In questo modo si aiutano i giovani preparati, a cui troppo spesso mancano le risorse per la fase di startup, e si aiuta anche il mercato. Tanti giovani pugliesi hanno già ottimamente sfruttato Pin. Ritengo questo incontro un momento utile per far capire in cosa consiste l’iniziativa e anche per far capire che parteciparvi non è complicatissimo, a patto di avere una idea vincente e tanta buona volontà. Mi auguro che tanti giovani neretini vogliano partecipare”.

                                                                                                         Ufficio stampa