Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

cartellone2018

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

FOGNA NELLE MARINE, L’OK DELLA GIUNTA

COMUNICATO STAMPA Giovedì 1 marzo 2018

FOGNA NELLE MARINE, L’OK DELLA GIUNTA

8 milioni di euro per il progetto di Aqp che porta la rete fognaria sul litorale

Il progetto per la rete fognaria nelle marine riceve il via libera dalla Giunta di Palazzo Personè. Ieri l’esecutivo cittadino ha deliberato la necessaria presa d’atto del progetto redatto da Acquedotto Pugliese relativo alla tanto attesa realizzazione delle reti fognarie negli insediamenti abitativi di Sant’Isidoro, Torre Squillace, Santa Caterina e Santa Maria al Bagno per cui sono già disponibili 8 milioni di euro del Por Puglia 2014-2020 Asse VI “Tutela dell’ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali” Azione 6.3. Si tratta di un finanziamento contemplato nel protocollo firmato nel 2015 dal Comune di Nardò che l’amministrazione Mellone, com’è noto, ha revocato nella parte in cui prevedeva lo scarico in mare delle acque reflue tramite condotta sottomarina, salvaguardando proprio le previsioni sul finanziamento per la rete fognaria nelle marine. La presa d’atto da parte del Comune di Nardò segue una serie di valutazioni, pareri, atti di assenso e autorizzazioni espressi dai vari soggetti interessati, acquisiti in sede di conferenza di servizi e necessari al completamento dell’iter.

Nel dettaglio, il progetto prevede la realizzazione dei tronconi principali del sistema di collettamento indipendente al servizio di Santa Caterina in grado di condurre i reflui direttamente al depuratore senza interconnessione e sovraccarico idraulico della rete esistente a servizio dell’abitato di Nardò, oltre al completamento del sistema al servizio di Santa Maria al Bagno. Sant’Isidoro e Torre Squillace costituiranno il secondo lotto funzionale della progettazione complessiva, per il quale saranno individuate da Autorità Idrica Pugliese altre risorse. Il progetto è stato già adeguato alla variazione del recapito finale degli impianti di depurazione a servizio degli agglomerati di Porto Cesareo e di Nardò - quindi, da ‘’Mare Jonio con condotta sottomarina” a recapito integrato “riuso/suolo/mare Jonio in battigia” (con la previsione di realizzare il riuso integrale in agricoltura e per gli altri usi civili e industriali compatibili) - nell’ambito del Piano di Tutela delle Acque, variazione deliberata dalla Regione Puglia lo scorso 28 dicembre.

“Ci avviciniamo velocemente - commenta il sindaco Pippi Mellone - a un altro significativo risultato per il territorio. La rete fognaria nelle marine è una garanzia di sicurezza dal punto di vista igienico-sanitario e da quello ambientale per insediamenti abitativi che attendono da tantissimo tempo. Una conquista di civiltà che questa città ha meritato senza aver dovuto barattare nulla e che si affianca ai tanti obiettivi che stiamo faticosamente raggiungendo in questi mesi”.

                                                                                                              Ufficio stampa