Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

cartellone2018

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

IL NUOVO COMANDANTE DEI CARABINIERI IN VISITA A PALAZZO

COMUNICATO STAMPA Mercoledì 4 aprile 2018

IL NUOVO COMANDANTE DEI CARABINIERI IN VISITA A PALAZZO

Il maresciallo maggiore Vito De Giorgi ha incontrato oggi il sindaco Mellone

Battaglia Mellone De Giorgi

Il neo comandante della stazione dei carabinieri di Nardò, il maresciallo maggiore Vito De Giorgi, ha incontrato per la prima volta questa mattina a Palazzo Personè il sindaco Pippi Mellone. De Giorgi è stato accompagnato a palazzo dal comandante della Compagnia di Gallipoli, il capitano Francesco Battaglia. Un’occasione per fare la reciproca conoscenza e per un proficuo scambio di vedute sulla situazione della sicurezza e della legalità in città. È stato rinnovato il patto ideale di collaborazione che esiste da sempre tra l’amministrazione comunale e l’arma dei carabinieri, nel solco della continuità con il lavoro svolto dal predecessore di De Giorgi, il sottotenente Giuseppe Serio che, come noto, ha lasciato la città per altro incarico dopo sette anni e mezzo. Vito De Giorgi è nato a Lecce, ha 46 anni e dopo aver svolto servizio in Campania, è stato prima al Nucleo Operativo di Bari San Paolo e poi a quello di Gallipoli. Prima della stazione di Nardò, ha diretto la stazione di Aradeo.  

“Abbiamo obiettivi comuni con chi si occupa della sicurezza dei nostri concittadini - ha detto il sindaco Mellone al termine dell’incontro - e stamattina con il maresciallo maggiore De Giorgi ho condiviso la necessità di continuare a collaborare nell’interesse dei cittadini e in funzione del loro bisogno di legalità. Siamo a disposizione dell’Arma, per quanto possibile, e l’Arma è a disposizione della città ovviamente. Al nuovo comandante ho dato il benvenuto di tutti i neretini e ho formulato un grosso in bocca al lupo per il compito che è chiamato a svolgere”.

                                                                                                    Ufficio stampa