Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

M’ILLUMINO DI MENO, NARDÒ SPEGNE LA “VILLA” DI VIA XX SETTEMBRE

COMUNICATO STAMPA Giovedì 28 febbraio 2019

M’ILLUMINO DI MENO, NARDÒ SPEGNE LA “VILLA” DI VIA XX SETTEMBRE

Domani è la giornata del risparmio energetico promossa da Caterpillar di Rai Radio2

Nardò aderisce a M’illumino di meno, la giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, ideata nel 2005 dalla trasmissione Caterpillar di Rai Radio2. La logica è quella di spegnere le luci che non sono indispensabili e fare un gesto simbolico a tutela del pianeta. Domani, venerdì 1 marzo, dunque, via XX Settembre - per i neretini “la villa” - spegnerà le sue luci per due ore, dalle 18 alle 20. E insieme a Nardò saranno ancora una volta migliaia le piazze, i monumenti, i palazzi, che spegneranno le luci, così come saranno tantissime le iniziative nelle scuole, nei musei o nei ristoranti dedicate al risparmio energetico.

L’edizione 2019 di M’illumino di meno è dedicata al tema dell’economia circolare, basata sull’imperativo del riutilizzo dei materiali e della riduzione degli sprechi. Perché le risorse finiscono, ma tutto si rigenera: bottiglie di plastica che diventano maglioni, carta dei giornali che torna carta, una cornetta del telefono che diventa una lampada. L’economia circolare serve a salvare la Terra e da economia “di nicchia” è diventata economia “vera”, in cui l’Italia peraltro è leader mondiale.

“Aderiamo con convinzione alla storica iniziativa di Caterpillar - spiega l’assessore all’Ambiente Mino Natalizio - perché il risparmio energetico è un impegno al quale siamo tutti chiamati. Sensibilizzare con un gesto visibile come lo spegnimento della “villa” di via XX Settembre, può aiutare i cittadini a capire o anche solo a farsi delle domande. Peraltro, quest’anno “M’illumino di meno” è dedicata all’economia del riciclo o del riuso e la città di Nardò, con la partenza del nuovo servizio di raccolta differenziata, sta dando una prova esemplare della propria sensibilità”.

                                                                                          Ufficio stampa