Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

Il servizio di parcheggio a pagamento sarà interrotto dal 21 ottobre prossimo per gravi inadempienze della ditta.

COMUNICATO STAMPA Mercoledì 12 ottobre 2016

VIABILITÀ - RISOLTO IL CONTRATTO CON L’AZIENDA, DAL 21 OTTOBRE NIENTE PIÙ STRISCE BLU

Gravi inadempienze del soggetto affidatario, la Giunta interrompe il servizio

A partire dal 21 ottobre il servizio di parcheggio con sosta a pagamento verrà interrotto.  Con una delibera odierna, infatti, la Giunta di Palazzo Personè ha risolto il contratto con la Mazal Global Solutions s.r.l., società affidataria del servizio, decidendo quindi di interrompere il servizio stesso. Più volte, nel corso del tempo, l’amministrazione comunale ha contestato formalmente al soggetto affidatario diverse lacune e criticità rispetto agli obblighi contrattuali: mancata corresponsione di alcune mensilità ai sei ausiliari del traffico e mancato rinnovo del contratto ad alcuni di loro, mancato rifacimento della segnaletica orizzontale sui siti interessati dai parcheggi a pagamento, mancata fornitura dei prescritti palmari agli ausiliari del traffico, mancato espletamento di seminari formativi per gli stessi, mancata produzione della attestazione comprovante il possesso della certificazione ISO 9001 prescritta dal bando di gara, mancato reintegro della polizza fidejussoria prevista dal bando di gara. Dopo le contestazioni e due formali diffide, l’amministrazione comunale ha deciso quindi di procedere con la risoluzione del contratto, anche perché si tratta di problemi e lacune che evidentemente compromettono la regolarità del servizio offerto.

“Come promesso in campagna elettorale - rimarca il sindaco Pippi Mellone - eliminiamo il servizio della sosta a pagamento, che così come è stato pensato e realizzato, è assolutamente illogico per una città come la nostra. Sia per l’incredibile numero degli stalli, peraltro cresciuti nel tempo, sia per il costo eccessivo della sosta nelle marine. Abbiamo preso atto della inadeguatezza dell’azienda affidataria del servizio, inadempiente su più fronti, e quindi interrotto un servizio messo in piedi in modo superficiale, vessatorio per le tasche dei cittadini e inutile ai fini di assicurare una regolare gestione della sosta e quindi maggiore sicurezza stradale. Sul piano politico sono contento di aver rispettato un’altra promessa fatta agli elettori. Il nostro obiettivo adesso è ripensare totalmente il sistema della viabilità in città e compiere scelte che rientrano in una logica e in un disegno complessivo”.

                                                                                                                 Ufficio Stampa