Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

Portale

La Masseria fortificata

La Masseria Fortificata

masseria

Premessa

Il termine masseria è riconducibile al latino massa con cui si voleva significare il blocco di cose possedute; nel tempo è servito ad indicare un edificio che sovrintende alla produzione agricola e che è pertanto funzionale ad essa. In base alla distinzione produttiva possiamo avere la masseria di campo tipica dell'agricoltura cerealicola del Tavoliere (prov. di Foggia) o masseria pastorale in relazione all'allevamento di pecore e quindi con recinti all'aperto ( Jazzi ) oppure olivicola e quindi dotata di frantoi. La masseria fortificata è il risultato di una situazione storica ben precisa ossia l'incapacità da parte del potere centrale di garantire la sicurezza del territorio e quindi la necessità da parte del proprietario terriero di sostituirsi nella funzione di vigilanza e difesa della campagna. Dall'VIII secolo si susseguono saccheggi ed incursioni sia della pirateria che di bande armate; con la caduta dell'impero bizantino la situazione diventa ancor più critica e l'espansionismo dell'Impero Turco accresce le situazioni di pericolo. Le campagne sono luoghi insicuri dove l'imperversare di malfattori o le scorribande di gruppi armati destabilizzano le attività produttive e insidiano i beni mettendo a repentaglio l'incolumità fisica di chi è costretto a vivere lontano dai centri cittadini fortificati.

L'elemento predominante che identificava la Masseria fortificata era la torre generalmente a pianta quadrata, cava all'interno e su due livelli. In genere posizionata lungo il perimetro murato; elementi aggiuntivi le torrette casamattate in sporto e poggianti su mensoloni solitamente poste agli angoli degli edifici per tenere sotto tiro due lati. Al piano terra sono ubicati gli ambienti per la produzione, stalle e servizi generali; al piano superiore la residenza del massaro o proprietario. Lo spazio esterno dove si svolge parte del lavoro è la corte ovvero l'aia lastricata con basolato (chianca). Intorno alla corte ruotavano tutti gli ambienti di servizio: posta al centro della masseria era delimitata da una serie di costruzioni adibite ad abitazione, stalle per animali da lavoro o allevamento, fienili e locali per conservare e lavorare le produzioni agricole. Frequente la presenza di una cappella solitamente staccata dalla torre o dall'edificio residenziale fortificato e posta lungo il perimetro. La torre era fondamentale sia per la sorveglianza del territorio che per la difesa in quanto in caso di attacco ci si poteva sempre rifugiare al piano superiore accessibile da una botola per mezzo di una scala in legno retraibile in modo da isolarsi se gli assalitori fossero penetrati all'interno del perimetro della masseria. Fu nei secoli XVI e XVII che si cominciò a munire di fortificazioni le strutture rurali soprattutto se ubicate in prossimità della costa dove per secoli e particolarmente nel Salento, hanno imperversato pirati e corsari. Tuttavia il pericolo poteva arrivare anche dall'entroterra basti pensare a briganti e ladri di bestiame.

( Scheda curata dal Dr. Giuliano Rizzo – Ufficio U.R.P. Comune di Nardò )

Il Castello

IL CASTELLO DI NARDO’

castello

Il Castello ha la planimetria quadrangolare con 4 torri cilindriche agli spigoli; questa configurazione è comune anche ai Castelli di Otranto e Corigliano d’Otranto.

Era internamente circondato da fossato che fu colmato agli inizi del’900, salvo per il lato attiguo alla “Villa Comunale”.

Tipica struttura militare di epoca aragonese, se ne attribuisce la progettazione, a metà ‘400, a Giulio Antonio Acquaviva Duca di Atri e Conte di Conversano, comandante in capo delle truppe aragonesi nel 1481 durante la liberazione di Otranto dai Turchi.

Ma l’originaria fortezza di Nardò, il “castrum”, era ubicata nella parte alta del centro storico ( quella che potremmo definire l’acropoli) dove adesso sorge il convento annesso alla chiesa dell’Immacolata. A darcene notizia è un documento del 1271 con cui re Carlo d’Angiò (1266-1285) concede il “regium castrum” ai frati francescani per il tramite di un suo parente Filippo di Tuzziaco (de Toucy); tale dismissione è motivata con la “vetustà” della struttura, il che farebbe supporre che si trattasse di un castello di epoca normanno-sveva, forse costruito o ampliato dal normanno Roberto il Guiscardo. In ogni caso, quando gli Angioini s’impossessano del regno meridionale strappandolo agli Svevi, il “Castrum Neritone” figura nell’elencazione dei castelli di Terra d’Otranto fatta dal Giustiziere, ovvero dal funzionario regio.

In epoca aragonese il Castello è stato citato in un documento del 1463 quando il re Ferrante d’Aragona riceve l’omaggio dei cittadini di Ceglie e in un altro documento del 1483, allorché la città di Nardò viene venduta al conte Ugento Anghilberto del Balzo, schieratosi dalla parte della Repubblica Veneta in conflitto con il re Alfonso II d’Aragona (figlio di Ferrante) che, per vendicarsi, fece “spianare le mura” (il che fa supporre anche una temporanea inagibilità del castello).

Nel 1495 viene conclusa la pace e il re Federico d’Aragona, primo Duca di Nardò.

A Bellisario Acquaviva si deve la ricostruzione del castello nell’attuale versione ed il rifacimento della cinta muraria con le sue 18 torri ,che si possono vedere in una illustrazione del Bleau-Mortier.

I torrioni circolari - secondo le tecniche militari dell’epoca - offrivano una superficie sfuggente in grado di deviare la traiettoria delle palle di cannone evitando quindi l’impatto diretto sulla superficie muraria.

Dove oggi sono gli uffici dell’URP vi era il corpo di guardia che sorvegliava l’ingresso alla piazza d’armi (cortile interno) e al piano nobile , residenza degli Acquaviva.

Con le leggi napoleoniche eversive della feudalità il castello venne sottratto alla casata degli Acquaviva e, dal 1806, divenne proprietà dei baroni Personè, il cui stemma è visibile al centro del balcone; a loro si deve l’attuale facciata in stile neoclassico-eclettico, sovrapposta all’inizio del ‘900, allorché decisero di trasformare il castello in residenza aristocratica. I lavori di rifacimento del prospetto furono commissionati all’ing. Generoso De Maglie (Carpignano 1874-1951) progettista anche di Ville in località Cenate. Evidente nella facciata il recupero di motivi decorativi tipici del barocco leccese, come il bugnato e la mensola figurata, associato ad inserimenti medievali riscontrabili nella merlatura posta alla sommità delle cortine e a coronamento del torrione parallelepipedo, anch’esso frutto di un’aggiunta eclettica.

Da notare le 52 maschere apotropaiche (antropomorfe, zoomorfe e demoniache) che si alternano alla base del cornicione sotteso alla merlatura.

A destra di detta facciata la “Villa Comunale”, ossia il parco del castello: un suggestivo giardino mediterraneo con varie specie arboree (Pini d’Aleppo, Lecci, Yucche) abbellito da un gazebo a forma di tempietto, pavimentato con maioliche celesti.

Nel 1933 il Castello fu venduto al Comune di Nardò per £.78.780.

Dal 1934 ospita una parte degli uffici comunali tra cui quelli di rappresentanza, stanza del Sindaco, Sala Giunta e Aula Consiliare .

Nella sala Consiliare sono custodite 3 importanti opere, una quarta si trova nel corridoio antistante la Sala Giunta. Si tratta di tele di indubbio valore artistico e storico: “Omaggio alla Vergine Incoronata”,di Anonimo, risalente alla fine del '600, periodo in cui fu eletta a protettrice di Nardò; “San Gregorio Armeno” e “Sant’Antonio da Padova”, entrambi di autore Anonimo e d’inizio ‘700. Oltre alla rilevanza artistica, le suddette tele hanno valore documentale della storia di Nardò per la presenza di vedute di scorci cittadini ed in particolare di un’interessante panoramica di Nardò medievale, circondata dalla cinta muraria, nell’ambito della quale si notano Porta San Paolo, i campanili della Cattedrale e delle chiese di San Domenico e dell’Immacolata e la Torre del vecchio Palazzo di Città, nonché un’originale stemma civico raffigurato attraverso l’allegoria di San Michele Arcangelo, primo protettore di Nardò, che incorona il Toro.

Il quarto dipinto – settecentesca opera di scuola napoletana – è un “Ritratto del Vescovo Antonio Sanfelice”, figura fondamentale nelle vicende architettoniche della Nardò barocca.

Piano sociale di zona 2014-2016

E' possibile visionare e/o scaricare il nuovo Piano di Zona 2014/2016 al seguente indirizzo Web:
http://pianodizona.nardo.puglia.it
 
Componenti Ufficio di Piano
Responsabile 
Istruttore Direttivo - Dott. Maurizio Fonte 0833838423 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
PIANO DI ZONA 2014 - 201
pdfcartaservizi_ambito3_nardo.pdf1.13 MB