Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

LSU, SOTTO L’ALBERO C’È LA STABILIZZAZIONE

Categoria: Comunicati stampa Scritto da U.R.P. Visite: 311

COMUNICATO STAMPA

Sabato 23 dicembre 2017

LSU, SOTTO L’ALBERO C’È LA STABILIZZAZIONE

Il Comune accede alle agevolazioni. Subito otto stabilizzati, poi tutti gli altri

Tutti i lavoratori socialmente utili del Comune di Nardò saranno stabilizzati. L’amministrazione comunale, infatti, ha deciso di accedere alle agevolazioni della Regione Puglia e del Ministero del Lavoro procedendo alla stabilizzazione dei primi otto Lsu, scelti in base a ragioni di funzionalità degli uffici e in considerazione delle situazioni di quiescenza, sfruttando tutti gli spazi occupazionali disponibili nell’ente in questa fase. Il 20 dicembre, il dirigente dell’Area Funzionale n. 2 Gabriele Falco ha proceduto a una comunicazione in tal senso alla Regione Puglia, che nel frattempo aveva sollecitato tutti i Comuni ad attivarsi. Le altre quattordici unità (un’altra andrà in pensione a breve) saranno tutte stabilizzate nei tempi previsti dalla legge, in coincidenza con i nuovi spazi occupazionali che si creeranno e a prescindere dalle agevolazioni di Regione e Ministero. In attesa della stabilizzazione continueranno a svolgere senza soluzione di continuità i servizi che hanno sempre svolto, non più in virtù del vecchio sistema di retribuzione degli Lsu, ma d’ora in poi a carico del Comune di Nardò.

“Queste - puntualizza il sindaco Pippi Mellone - sono persone che mediamente sono in questa condizione da vent’anni e a cui la politica ha sempre destinato promesse inutili e parole vuote. Noi facciamo quello che gli altri hanno solo annunciato, speculando sulla situazione degli Lsu. L’attesa della stabilizzazione per loro è finita, grazie alla ferma volontà di questa amministrazione di procedere in questa direzione e a una favorevole combinazione di fattori. Prendiamo una strada che ci consente di risolvere le esigenze funzionali dell’ente, che sono comunque una priorità, e di salvaguardare il lavoro, che di questi tempi è uno scenario più unico che raro”.

“A differenza degli altri Comuni - spiega l’assessore al Personale Gianpiero Lupo - che hanno attivato la procedura stabilizzando un solo lavoratore entro il 31 dicembre 2017, cioè il minimo previsto, noi abbiamo scelto di esaurire immediatamente tutti gli spazi occupazionali disponibili per il Comune di Nardò, che ci consentono in questa fase di stabilizzare otto unità. Ma gradualmente stabilizzeremo tutti nei prossimi mesi, anche a prescindere dalle agevolazioni. Per loro questo sarà un gran bel Natale. L’obiettivo dell’amministrazione è chiaro ed è quello di assicurare continuità lavorativa a tutti i nostri Lsu, anche ai quattordici che non rientrano nel primo step, che in questa fase di transizione continueranno a carico dell’ente a svolgere i propri servizi. È una scelta di ragionevolezza e di tutela reale del lavoro e non quella strumentale di chi in questi mesi ha aizzato gli Lsu contro l’amministrazione. Per altro verso, confidiamo che il quadro prospettato da Regione e Ministero sia più chiaro e stabile e magari continui a prevedere una condizione di incentivi alla stabilizzazione”.

                                                                                          Ufficio stampa